rossetto
È usato come abbellimento, ma anche come arma di seduzione.
Può essere di tantissimi colori ed è il vero re del make up, affondando le sue radici in tempi antichissimi. Eppure, nonostante lo utilizziate tutti i giorni, molte di voi non hanno idea di cosa si celi dietro i suoi rosa tenui, i suoi rossi fiammanti o le sue tonalità più frizzanti.
Stiamo parlando del rossetto!
Ormai possiamo comprarlo, così come tutti i prodotti make up in generale, in tutte le profumerie, nei negozi specializzati, ma anche online, ma ovviamente non è sempre stato così e oggi siamo qui per raccontarvi la storia dello stick più famoso del mondo.
Quando e come è nato?
Nasce circa cinquemila anni fa.
La bella e famosa regina Cleopatra non si presentava mai in pubblico senza il suo rossetto, realizzato con pigmenti di coleotteri e formiche.
I primi rossetti, infatti, erano realizzati con l’utilizzo di insetti, piante e fiori dai pigmenti scuri e permanenti. L’uso del rossetto si è poi sviluppato e diffuso sempre di più, finché nel XVI secolo la regina Elisabetta I d’Inghilterra ne fece ideare uno ricavato dalla cera d’api.
Ma subito dopo, il ‘700 fu un secolo buio e difficile per il rossetto.
Il Parlamento inglese, infatti, emanò una norma che ne vietò l’utilizzo, poiché ritenuto un’arma di seduzione usata dalle donne per indurre gli uomini a sposarle.
Il trucco infatti, fino alla fine dell’Ottocento, veniva considerato un oltraggio e un simbolo di volgarità, per cui le donne che lo portavano venivano viste di cattivo occhio.
Per fortuna, con l’arrivo del Novecento, la società si liberò di questi tabù e le donne furono finalmente libere di riprendere in mano i trucchi e, ovviamente, i rossetti.
Ciò fu possibile soprattutto grazie all’azione ribelle delle suffragette e in particolar modo di Elizabeth Arden, che, cercando un modo di farsi notare ancora di più ai fini della sua protesta, lanciò il rossetto rosso fuoco, che divenne un simbolo di potere e forza, ma anche di femminilità.
Le case di moda, soprattutto Chanel, ne fecero il loro cavallo di battaglia, facendolo diventare un vero e proprio cult, con colori passati alla storia e mai più dimenticati.
A dare il tocco finale alla fama dello stick più famoso del mondo è stata una delle donne più belle e femminili del mondo, Marilyn Monroe, che ne ha fatto la sua firma e, da allora, anche quella di tutte le altre donne del mondo.

Via | Yume.it

Alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...