pechino_logo

La prima puntata di Pechino Express 2014 ha dato di nuovo conferma, qualora ce ne fosse stato bisogno, della validità del format. Vedere otto coppie di concorrenti, tra vip e nip, in balia di itinerari ostici e prove assurde per arrivare a una meta stabilita ha il suo fascino e, come sempre, più è difficile per loro, più è divertente per il pubblico da casa, appollaiato sul divano.

Chi non ha alcuna intenzione di faticare, invece, è il conduttore Costantino della Gherardesca che, in una scena cult della puntata, esclama Che ansia! per commentare le traversie dei concorrenti mentre si gusta placidamente un cioccolatino in poltrona. La sua ormai famigerata ironia aggiunge nuova carica al programma, già forte di per sé. Luca Betti sta spaventando le caprette con tutta la sua eterosessualità, non vedo l’ora di tornare in Italia per vendere questo tappeto a Beppe Severgnini per 27mila euro, alle Immigrate diamo la fascetta verde Lega, sono solo alcune delle chicche che il nostro ci ha regalato nel corso della puntata appena andata in onda. Encomi sparsi.

pechino_concorrenti

Passiamo ora al cast: la prima puntata ha da sempre la funzione di presentare i viaggiatori e sarà dalla seconda, prevista per domani su Rai 2, che si entrerà nel vivo del gioco. Su tutti, il personaggio di questa edizione sembra essere Eva Grimaldi che si è presa addirittura un rutto in faccia da una birmana quando è andata a chiederle ospitalità gratuita. Senza nulla togliere alla “Cattiva” Angelina che ha dichiarato di voler diventare famosa per i suoi carpiati sui pick up per poi minacciare di amputazione una scimmietta molesta. Dotata di un sarcasmo tagliente, certo, ma forse troppo simile a quello di Costantino per poter emergere davvero. In alcuni momenti è sembrato che addirittura parlasse allo stesso modo del conduttore. Un po’ sottotono rispetto alle aspettative Alessandra Celentano che avremmo visto bene in questa avventura con Garrison al suo fianco. Ma non si può avere tutto e anche Corrado Giordani sembra essere una buona spalla, per ora. Voto dieci ai Fratelli Clementino e Paolo Maccaro, dichiaratamente convinti di farsi capire dai birmani parlando in napoletano stretto. Benestanti, per ora, non pervenuti davvero se non per un commento della Celentano a cui non stanno particolarmente simpatici, pare.

E adesso qualche piccola perplessità: il cast, come detto, è forte, ma il rischio fotocopia rispetto alla precedente edizione potrebbe essere dietro l’angolo: gli Eterosessuali, a giudicare dal loro aspetto, sono decisamente abituati agli sforzi fisici e farebbero egregiamente la parte che l’anno scorso fu degli Sportivi, ovvero quella dei vincitori. Le Immigrate rischierebbero di diventare le Modelle del 2013 se non, a giudicare dal loro stentatissimo inglese, le Veline della prima edizione. Stesso déjà vu per Eva Grimaldi che finge un malore per farsi ospitare gratuitamente, un po’ come fece l’indimenticabile Marchesa d’Aragona l’anno scorso.

pechino_costantino

Toccherà agli autori evitare che queste somiglianze, assolutamente legittime per il momento, non vengano protratte per troppo tempo rischiando di appiattire quel piccolo grande gioiellino televisivo che è Pechino Express. La riproposizione di alcune dinamiche ci sta, ma deve essere centellinata: le minestre riscaldate non piacciono a nessuno, del resto. Dopo la prima puntata, è troppo presto per affermare che questo possa costituire già un problema e, anzi, ci auguriamo che possa non diventarlo mai.

Plauso in chiusura a La Pina, innamoratissima del suo compagno di viaggio, nonché marito Emiliano Pepe. A parte la tenerezza della coppia, personalmente ho apprezzato molto il momento in cui la voce di Radio Deejay ha rifiutato che un birmano le pagasse il tragitto verso il traguardo: lui nella vita trasporta cipolle, noi stiamo giocando. Non posso accettarlo.

Anche per questo Pechino Express è un gioco bellissimo.
Via | Blogo.it [CC]

Via | Yume.it 

Alcuni diritti riservati sotto licenza Creative Commons.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...